Cremente, Crementinu, Ntinu, Ntinuzzu pers.
Càrmenu, Carmenùcciu, Nùcciu pers.
Cummieni, cummeniti ;.Voce per chiamare la capra.Calare.; pres.La toa facce rose russe mina / e de cannella te ndora lu fiatu.



Cuoca: coca te la bona cucina, cce sta pprepari pe llu banchettu?
Conseguenza; effetto: nisciunu sconto smartphone samsung po' ssapìre quali ponnu èssere le cunsequenze nessuno programma per tagliare video vlc può sapere quali potranno essere le conseguenze.
Mormoro, pesce dalle carni apprezzate.
Cassone, grande cassa per riporvi provviste alimentari: per esempio grano, farina, mais.
Concime: tocca cu sse mina lu cuncime allu ranu bisogna spàrgere il concime nel campo di grano.Gran carogna, appellativo ingiurioso rivolto a persona vile e cattiva.Coscia * modo di dire: servire de la cossa accontentare nel migliore dei modi, servire benissimo (anche ironicamente) * detto: nu mme sciuecare la cossa, senòne la tersa me ngrossa non mi lisciare la coscia, altrimenti mi si ingrossa la terza lat.Perché, giacché, poiché, siccome: nu bènenu ca stanu stracchi non vengono perché sono stanchi; bu nde putìti sçire ca la festa à spicciata potete andar via giacché il festino è terminato * 3- consecutiva.La pianta della vite, limitatamente alla parte che rimane dopo la potatura annuale.Cquistare (neol.).; cquistu, cquistamu, ecc.;.Capannone destinato a deposito di attrezzi e di prodotti agricoli voluminosi.1- Pianta vegetale erbacea (escluse, cioè, le piante legnose chiamate àrveri chianta te basìlecu pianta di basilico; chiante te cecora, te melune, te remigna, te carròfalu, te scarciòppula, te pesiei, te tabbaccu piante di cicoria, di melone, di gramigna, di garofano, di carciofo, di piselli.Cau te stulara.Cciticani o żafaranu bastardu cciticani.Tribolazioni, dolori, sofferenze sopportati con rassegnazione: perìccia a mamma, sta ppassa nnu carvàriu povera quella madre, sta attraversando un calvario di sofferenze.




[L_RANDNUM-10-999]