Questa tecnica raggiunse grande perfezione in epoca merovingia e si ritrova ancora in età ottoniana e romanica, accordandone luso al carattere soprattutto religioso e liturgico quiz online concorsi enti locali delloreficeria.
Si sviluppò un gusto per oggetti dalle forme curiose e varie.
Indie e Brasile; dal 17 sec.Al terzo posto nella classifica delle pietre preziose che valgono di più troviamo il diamante, o meglio diamante grezzo.Altri tipi di tagli sono usati secondo i casi, per.: a rosa doppia, a gradini, a tavola, a tagli misti, a superfici curve (cabochon a marquise ecc.In generale, le immagini ottenute sono a superficie liscia benché esistano esemplari di pietra dura realizzate come un bassorilievo.Vari esemplari sono stati trovati anche in zone fredde e inospitali come Groenlandia e Antartide.



È considerata un'arte decorativa.
Schrauf (1869 sono cadute in disuso; una formula è quella riportata da Sutton (1880 P (m1)dp, dove P è il prezzo cercato, m la massa in carati della., p il prezzo della.
Importanti centri di produzione tra il 13 e il 15 sec.Dal mondo bizantino luso delle pietre dure, diffuso anche per il prezioso vasellame, si irradiò in quello musulmano e in Italia; gli Arabi produssero ed esportarono oggetti in pietre dure, specie intorno all11 secolo.La pulitura e lucidatura si eseguono nello stesso modo, variando il mezzo di taglio (polvere di Tripoli, pomice ecc.).Tale pratica è piuttosto recente; più antica è larte di inciderle o di lavorarle in rilievo.Tali impurezze sono talvolta costituite da elementi dispersi sotto forma colloidale; in altri casi invece le impurezze sono rappresentate da ioni degli elementi di transizione e delle terre rare.La variazione di colore tra varietà di una stessa specie dipende dal fatto che la maggior parte di questi minerali sono allocromatici; in essi, cioè, il colore è determinato dalla presenza di impurezze che in percentuali minime, talora indosabili, entrano a far parte del cristallo.Lingrossamento dei cristalli si può ottenere o da massa fusa (della stessa composizione della pietra da riprodurre: sistema Verneuil) o da soluzioni (sia in acqua sia in solventi fusi).Che vengono preparate, oltre al diamante, sono essenzialmente: rubino, zaffiro, smeraldo ecc.Lavvento del cristianesimo come religione ufficiale dellImpero Romano ne indirizzò limpiego in oggetti cerimoniali e rituali; nel loro uso, Bisanzio fu lerede della simbologia cristiana come dei simboli del potere romani.La lavorazione proseguì nei secoli successivi; la glittica conobbe un periodo di splendore con Federico.Sono: berillo, incoloro, giallo oro o eliodoro, verde erba o smeraldo, azzurro-celestino o acquamarina, roseo o morganite; cianite, di cui si utilizzano solo le varietà trasparenti di colore azzurro intenso simile a quello dello zaffiro orientale; cordierite, di cui si utilizzano solo le varietà colorate.Di un carato e quella di due.Prodotti prevalentemente in Colombia, uno smeraldo puro è così raro che oggi il suo prezzo arriva a 8mila dollari al carato.Lunico luogo dove si trovano i diamanti rossi è nella miniera di Argyle, in Australia.La Taaffeite prende il nome dal suo scopritore, il Conte Eduard Taaffe, che ne trovò un esemplare per puro caso.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


[L_RANDNUM-10-999]